Google Talk: scoprire i contatti in modalità invisibile
13 Aprile 2009
Ricerca di Google vuota: scelta o svista?
14 Aprile 2009
Mostra tutto

Lettore multimediale a manovella

La tecnologia è sempre più eco oriented: se da un lato si mira al potenziamento e alle invenzioni tecniche, c’è anche chi cerca di unire nuove forme di energia rinnovabile a strumenti hi-tech.

Questo è il caso del lettore Eco Media Player. Si tratta di un lettore multimediale senza batteria che funziona ad energia “umana”: la manovella incorporata sul retro lo ricarica e ne permette il funzionamento. Per 1 minuto di carica manuale, se ne ricavano 40 di utilizzo.

Il lettore green Eco Media Player ha tutte le funzionalità base di un lettore multimediale, più alcuni extra che lo rendono davvero unico: ha 2 GB di memoria, c’è la possibilità di ascoltare musica e di vedere video e foto, ed è presente anche la radio FM incorporata.

Dispone inoltre di un attacco USB che gli permette di essere caricato via PC (per i più pigri) ed è in grado di trasformarsi in caricabatteria di emergenza per cellulari; infine, ospita una torcia LED per ogni evenienza. Il suo prezzo? Si aggira sui 300 dollari circa.

Magari non avrà un design così azzeccato, e il costo non è sicuramente tra i più accessibili. Tuttavia, l’idea è molto interessante, soprattutto dal punto di vista ecologico.

3 Comments

  1. Ari ha detto:

    Io lo comprerei, ma costa troppo! Però è bella l’idea…

  2. Ari ha detto:

    Ps. Ma ci hanno mai pensato a fare un lettore multimediale a energia solare?? Sai che fico!!!

  3. Kikee ha detto:

    @Ari
    Sono d’accordo con te sul prezzo, speriamo che con il tempo si abbassi! Per quanto riguarda il lettore a energia solare, ho fatto una piccola ricerca e ho visto che esiste già!

    Qui un esempio:
    http://news.tecnozoom.it/lettori-mp3/sorbo-sb-5007-lettore-mp3-a-energia-solare-post-1786.html

    Ed eccone un altro:
    http://www.hwupgrade.it/news/multimedia/shiro-sq-s-un-lettore-multimediale-a-carica-solare_26809.html

    Peccato che questi accessori vengano sempre visti come “comodi in vacanza quando non si ha il caricabatterie” e non come “utili passi in avanti per l’ecologia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *